I vigneti del Castello di Buttrio

Su queste colline dove la vite è sempre stata di casa, il primo obiettivo di Alessandra Felluga nel 2007 è stato capire e valorizzare la ricchezza del prezioso patrimonio di vigneti storici presenti. Molte di queste vigne con il peso degli anni sono meno produttive di quelle giovani, ma capaci di trasmettere forza al solo sguardo e di donare equilibrio e struttura al vino. Una realtà da proteggere ed esaltare.

Il complesso lavoro di ristrutturazione dei vigneti impegna ancora oggi in un lungo processo in divenire. È guidato dall’attenzione ai cicli naturali delle piante e al loro equilibrio, lasciando con rispetto che aria, acqua, suolo e sole svolgano il loro fondamentale lavoro.

La produzione si basa su basse rese e i frutti ricompensano con vini dai caratteri chiari, eleganti e definiti.

Oggi i 26 ettari di vigneti incorniciano il Castello di Buttrio con i loro terrazzamenti in un fermo immagine di bellezza sospesa.

Per approfondire: